5 consigli di pulizia che ti cambieranno la vita

Spesso, andiamo nel pallone per una macchia insolita, che non sappiamo come pulire: di seguito troverete dei trucchetti utili per non disperare in queste situazioni.

Piccoli consigli che cambieranno il tuo modo di vivere queste situazioni, senza per forza dover ricorrere ad esperti o a prodotti specifici!

Dalle macchie sul materasso, a quelle sul tappeto o ancor peggio sulla moquette: chi non si è mai trovato in queste situazioni? Alle volte ricorriamo alle lavanderie vicino casa, senza però ricordarci che il nemico principale delle macchie è il tempo!

Occorre intervenire subito per evitare che la macchia vada in profondità, per farlo, quasi sempre, è sufficiente la sottovaluta polverina bianca presente in quasi tutte le case. Quale?
Il bicarbonato naturalmente!

1. Come pulire il materasso?

Almeno due volte l’anno, è opportuno pulire il materasso e disinfettarlo a fondo per evitare che diventi luogo di ristagno di acari, polveri o muffe. Il consiglio è di effettuare questa pulizia nei cambi di stagione. È sufficiente dapprima esporlo all’aria aperta, in seguito procedere con la disinfezione spolverando sopra in maniera omogenea del bicarbonato di sodio. Lasciare in posa per circa dieci minuti e poi aspirare. Se dovessero esserci delle vere e proprie macchie invece come caffè o trucco, il consiglio è quello di spruzzare sopra una miscela composta da acqua tiepida, limone e aceto. In seguito tamponare con un panno in microfibra. Dopo che il materasso sarà ben asciutto passare un panno con 5-6 gocce di tea-tree: allontana gli acari e conferisce al materasso un piacevole profumo di pulito.

2. Come pulire il doccino della doccia?

Luogo preferito dal calcare per riposare è proprio il doccino della doccia, comunemente chiamato “telefono”. Il calcare che si deposita normalmente non è per nulla facile da eliminare e in più non dà una sensazione di pulizia, nonostante l’uso di detersivi e altri prodotti specifici. Come eliminarlo? È sufficiente del comune aceto di vino bianco, un elastico e un sacchetto di plastica da freezer: riempire il sacchetto per metà con aceto, immergere la testina del doccino e fissarlo con un elastico. In posa per l’intera notte o alcune ore e il calcare sarà magicamente sparito! Meglio far correre un po’ d’acqua per rimuovere gli ultimi residui.

3. Come rimuovere le macchie dalla moquette?

Episodio frequente in presenza di bambini o animali domestici. Macchie di vino, da caffè o altro ancora: come rimuoverle? Sarà sufficiente mescolare acqua e aceto in rapporto 1 a 3 e applicarlo sulla macchia che si desidera trattare. Servirsi di un panno umido per coprirla e passare sopra il vapore del ferro da stiro per mezzo minuto. Voilà! A prova di bambino.

4. Come rimuovere le fastidiose macchie sul tagliere di plastica?

Dopo pochi utilizzi, il tagliere in plastica tende a macchiarsi, ad ammuffirsi e ad emanare uno spiacevole odore. Ogni dieci utilizzi circa, si potrà trattarlo e disinfettarlo per farlo tornare come nuovo: basterà mescolare 3-4 cucchiai di bicarbonato di sodio assieme ad 1 cucchiaio di detersivo per piatti e 1-2 cucchiai di perossido di idrogeno. L’impasto ottenuto va steso sulla superficie e lasciato sedimentare una notte. Rimuovere sotto l’acqua corrente e ammirare il tagliere splendente!

5. Come lavare il tappeto?

Per farlo risplendere anche in assenza di particolari macchie, si può utilizzare una gamma di prodotti naturali e non invasivi, combinabili tra loro e utilizzabili quante volte si desidera! Non rovineranno i tessuti né i colori.

  • Per la pulizia di tutti i giorni: passare l’aspirapolvere sul retro per eliminare briciole, peli, acari. Con una spazzola a setole morbide distribuire sulla superficie il bicarbonato in modo omogeneo e aspirare dopo aver lasciato agire alcune ore. Questo trattamento renderà i tappeti puliti e deodorati.
  • Per una pulizia più profonda: munirsi di spruzzino dove far sciogliere in un litro d’acqua 2 bicchieri di aceto bianco e  3 cucchiai di bicarbonato. Con la spazzola a setole morbide omogeneizzare il prodotto e lasciarlo asciugare lontano dai raggi solari.
  • Pe le macchie più profonde: creare una pasta con aceto e sale grosso in parti uguali fino ad ottenere una consistenza cremosa da spalmare sulla zona interessata. Se invece la macchia è più fresca, miscelare assieme bicarbonato e amido di mais e utilizzare immediatamente. In entrambi i casi lasciare assorbire, spazzolare e aspirare.

È sorprendente come, senza saperlo, alcuni prodotti di facile reperibilità ed economici sempre presenti nelle nostre case  possano essere fondamentali per pulire anche le macchie più profonde. Non bisogna quindi andare in paranoia quando si rovescia una bevanda sulla moquette o sul tappeto, né tantomeno è necessario rivolgersi a un esperto: è sempre buona norma però, fare scorta di aceto e bicarbonato di sodio!

Ancora nessun commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.