Autunno: Cosa metto in tavola?

shutterstock_446781652_720

L’autunno è più che arrivato ormai e il nostro corpo comincia a risentire del cambio di stagione, dell’abbassamento e degli sbalzi di temperatura. Non a caso, infatti, ci sentiamo spesso più debilitati e affaticati. Cosa fare per mantenere il proprio equilibrio, limitando gli effetti del cambio di stagione? Mangiare bene, prima di tutto!

Con l’espressione ‘mangiare bene’ intendiamo consumare gli alimenti caratteristici di stagione e cercare di seguire una dieta il più possibile variegata, a base di frutta e verdura tipiche dell’autunno.

La prima che viene in mente è sicuramente la zucca, arancione e polposa. Si raccoglie nei campi da agosto ad ottobre e si conserva in un ambiente buio, fresco ed asciutto. Le zucche possono durare mesi, in base alla tipologia e alle loro caratteristiche. Dalle proprietà diuretiche e rinfrescanti e ricche di vitamine A e C, si prestano a molteplici preparazioni in cucina, dai primi piatti (risotti, tortelli, vellutate, minestre) ai dolci. Non si butta via nulla della zucca, poi: persino i suoi semi, una volta salati ed essiccati, possono essere utilizzati per arricchire le nostre insalate o altre pietanze.

Subito dopo abbiamo i funghi, un alimento non amato da tutti, specialmente dai più piccini, però anch’essi ricchi di proprietà. Hanno un apporto calorico molto basso, contengono acqua, minerali, zuccheri, vitamine A e D a seconda delle varietà. In cucina possono essere consumati crudi, nelle insalate, oppure cotti all’interno di innumerevoli piatti.

Nel risotto, nella pasta, con la polenta oppure come contorno: le ricette da realizzare con i funghi sono tantissime e ce ne sono per tutti i gusti!

Un’altra verdura da non dimenticare in questa stagione è il radicchio. Dal gusto amarognolo, ottimo per preparare le crêpes al forno, per i primi piatti, come contorno o cotto alla griglia.

Quello che non può assolutamente mancare nel carrello della spesa d’autunno sono i  legumi e i cereali. Orzo, farro, lenticchie, ceci e fagioli sono preziosi ingredienti per preparare le classiche zuppe. I legumi sono ricchissimi di proteine ad alto valore biologico e amminoacidi essenziali. Non a caso infatti, sono alimenti ideali anche per chi non consuma cibi di origine animale, come vegetariani e vegani.

melograno e mele

Quali sono invece i frutti dell’autunno?

Le mele innanzitutto! Un frutto pratico da mangiare, saporito, prezioso in cucina e anche per la salute. Gialle, rosse, verdi: belle, colorate e nutrienti, le mele si prestano a mille preparazioni (dolci in primis). La mela è un frutto amato non soltanto per il suo apporto calorico molto basso e per le sue proprietà antiossidanti, ma anche perché aiuta ad eliminare le tossine.

Poi abbiamo la melagrana, quel frutto dai bellissimi semi color rubino. È un alimento gustosissimo, anche se spesso poco utilizzato in cucina. Un frutto ricco di potassio, fosforo e con una buona quantità di vitamine A e C.

I cachi o kaki. Arancioni, originari di Cina e Giappone, sono frutti dolcissimi e dalla polpa cremosa. Regina dell’autunno è poi l’uva. Calorica, è vero, ma molto dissetante e purificante. È invece sconsigliata per chi soffre di diabete per via dell’elevato apporto zuccherino ed è poco indicata per i nostri piccoli a causa dell’alto contenuto di cellulosa (che ne rende più difficoltosa la digestione).

Per completare la spesa infine non possono mancare: le castagne, che aiutano la regolarità intestinale; le patate, ricche di carboidrati, da cucinare in mille modi, e le noci, ricche di Omega3, dalle proprietà antiossidanti.

Pronti per fare la spesa?

1 Commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.