Come scegliere le creme solari per bambini e neonati?

solari-bambini-neonati

Rullo di tamburi, mamme e papà che leggete: il caldo sta arrivando!

Dopo una primavera, per usare un eufemismo, un po’ pazza, ci avviciniamo al periodo più “bollente” dell’anno.

Chi ama l’estate esulterà, chi invece proprio non riesce a stare sotto il sol leone è in preda alla disperazione, rimpiangendo piumone e pigiamone.

Un grosso in bocca al lupo virtuale per questi ultimi!

Dopo aver visto come preparare e proteggere la pelle in vista della sempre più vicina bella stagione, è tempo di pensare anche ai più piccoli.

La loro cute è molto sensibile e delicata, per questo è molto importante proteggerla in modo corretto dal sole non solo durante le vacanze, ma anche in questo periodo di avvicinamento all’estate, nelle giornate da trascorrere all’aria aperta.

Un primo rimedio per non incappare nei famigerati raggi UVA e UVB?

Stare al fresco nelle ore più calde!

Regola che vale per tutti, ma in particolar modo per i nostri bimbi.

Nelle ore centrali, meglio lasciarli a casa o comunque in luoghi freschi.

Per eventuali passeggiate scegliete il tardo pomeriggio, quando il sole è già sulla via del tramonto.

Altra cosa fondamentale da fare è mettere sempre in borsa una crema solare, da portare sempre con voi in città, al mare o in montagna.

È bene ribadire che non esistono più in commercio creme a protezione totale: nessun prodotto può proteggere completamente dai raggi UV, quindi è indispensabile applicare una crema che sia almeno 50+ sui neonati e almeno 20 oppure 30+ sui bambini un po’ più grandi.

Ma come fare a scegliere la giusta crema solare per i più piccoli?

Premesso che prima dei 6-8 mesi di vita bisogna evitare l’esposizione diretta ai raggi solari, è sempre preferibile utilizzare una crema ad alta protezione formulata esclusivamente con filtri fisici.

Occhio quindi al fattore di protezione solare (indicato con la dicitura SPF): questo indica la capacità del prodotto di filtrare i raggi solari.

Ad esempio, creme con SPF pari a 15 sono in grado di bloccare il 93% dei raggi UVB, mentre solari con SPF 30 arrivano a bloccarne il 97%.

Cosa vuol dire questo?

Che nessun SPF è in grado di arrivare al 100%, nemmeno le creme con SPF 50+.

Affinché un prodotto possa definirsi “solare”, deve garantire una protezione minima dai raggi UVA, pari almeno ad 1/3 dell’SPF dichiarato in etichetta: tali prodotti si riconoscono dall’apposito bollino cerchiato con all’interno la dicitura “UVA” riportato sulla confezione.

Occhio anche agli ingredienti e alla composizione delle creme.

Prima di acquistare un solare, date un’occhiata all’INCI (International Nomenclature of Cosmetic Ingredients), ovvero l’elenco degli ingredienti contenuti riportati in ordine decrescente di concentrazione.

L’ingrediente che compare per primo è quello maggiormente presente, mentre gli ultimi sono presenti in minor quantità.

Non c’è un INCI migliore rispetto ad altri, ma è chiaro che soprattutto per i più piccoli ma non solo! – sarebbe opportuno evitare la presenza di filtri chimici e parabeni.

Non tutti i solari si rivelano affidabili: purtroppo scottature e pelle arrossata sono sempre in agguato.

Il consiglio che sentiamo di darvi quindi è imparare ad orientarsi tra i prodotti solari in commercio, optando in particolar modo per i prodotti con ingredienti naturali.

Questi sono realizzati con componenti naturali organici che non solo non inquinano l’ambiente, ma sono anche più sicuri per i bambini perché non contengono conservanti e sostanze sintetiche.

Un esempio? Le creme solari Kids di Weleda (sia con SPF 30 che con SPF 50) che si prendono cura della pelle di tutta la famiglia e in particolare di quella super sensibile dei bimbi in modo naturale.

Impermeabili e senza profumo, lasciano la pelle morbida e idratata, ideale anche in città.

Dopo essere stati al sole, è consigliabile poi spalmare sul corpo un prodotto idratante: preferite un doposole specifico, meglio ancora se all’aloe vera che oltre ad avere una consistenza fresca e leggera, ha anche un’azione lenitiva.

Perfetto per grandi e piccini, il latte doposole Baby di Alkemilla è ricco di principi attivi lenitivi che idratano a fondo e in modo naturale la pelle.

Con Succo di aloe biologico, estratto di fiori di Calendula e Camomilla biologici e oli vegetali, lascia la pelle morbida e aiuta la naturale rigenerazione dopo l’esposizione al sole.

Adatto anche alle pelli più sensibili irritate dal sole e arricchita dall’Aloe vera e da oli essenziali naturali, anche il doposole Stella Alpina di Weleda rinfresca, rigenera e idrata la pelle senza contenere sostanze chimiche e sintetiche.

Insomma, l’estate sta arrivando e presto le temperature ci metteranno a dura prova: è giunto il momento di correre ai ripari!

1 Commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.