La stanza del neonato: 3 errori da evitare

errori-arredo-cameretta

Quando in famiglia c’è un neonato in arrivo, uno dei primi pensieri dei neo-genitori riguarda l’allestimento e la decorazione della cameretta che lo accoglierà. C’è chi si muove in anticipo e inizia ad arredarla appena saputa la notizia, chi invece aspetta di arrivare a ridosso della nascita e chi invece rimanda il tutto a quando il bimbo sarà abbastanza grande per dormire in autonomia. In tutti e tre i casi, meglio pensare a tutto e non dimenticare nulla!
Oltre all’arredo base, il bimbo ha bisogno di un luogo sereno, delicato e rassicurante che deve percepire sin da subito come suo. L’ideale sarebbe uno spazio ampio, nel quale anche la mamma possa muoversi liberamente con il piccolo in braccio.

Quali sono gli errori più comuni che si commettono nell’allestimento della cameretta? Vediamoli insieme.

1. Dimenticare pezzi di arredo fondamentali: spesso, travolti dall’entusiasmo, mamme e papà tendono a seguire i propri desideri correndo così il rischio di perdere di vista quelle che sono le reali esigenze di un neonato.

Culla o lettino, cassettiera, fasciatoio e corredino: questi gli elementi che non possono mai mancare per una cameretta perfetta a prova di…bebè!

Se avete paura di tralasciare qualcosa, o avete la mente satura di “cose che vorreste” che finite per dimenticarvene, la Cameretta Amelie di Picci fa al caso vostro. Romantica, raffinata e dal design unico, è completa di tutto ciò di cui avete bisogno. Con il vantaggio che siete voi a scegliere ciò che vi serve per realizzare la composizione che desiderate.

2. Non sfruttare gli spazi: a prescindere dalle effettive dimensioni, pensate anche al futuro in modo tale da poter adattare la cameretta alla crescita del bambino attraverso gli anni. Fondamentale quindi l’organizzazione dello spazio a disposizione, anche a livello progettuale. Prendete carte e penna e pensate a cosa vi serve e vi servirà: una bozza non fa mai male prima di procedere con gli acquisti.

Sfruttate al massimo gli spazi, magari anche con qualche elemento che non vi servirà nell’immediato, ma che può tornare utile man mano che il vostro piccolo crescerà. Un esempio? Il tappeto gioco! 
Ci potete adagiare il piccolo fin dai primi mesi per farlo giocare in sicurezza, ma non solo. Il tappeto gioco di 3 Sprouts diventa anche un pratico sacco portagiochi, l’ideale per evitare l’accumulo di costruzioni, pupazzi e peluche una volta finito di giocare e rischiare di trasformare la cameretta in un…disastro!

3. Tralasciare le pareti: la cameretta è lo spazio deputato del bambino. Qui tutto deve essere a portata delle sue mani e pensato per stimolarne attività e sensi. La decorazione di questo ambiente dovrà dunque essere funzionale alla sua crescita, al suo gioco e al suo benessere. E come non cogliere l’opportunità di accogliere l’arrivo di un “piccolo principe” con…il Piccolo Principe? Già, anche le pareti della sua stanza servono ad ispirare ed incoraggiare la creatività e l’immaginazione.

Con gli adesivi murali di Evergreen Orange riempite la sua cameretta di amici colorati e divertenti senza rinunciare al design, compagni di viaggio che gli terranno compagnia nelle lunghe ore di gioco e gli permetteranno di rilassarsi e di sentirsi al sicuro in quelle di riposo. Con il vantaggio che potete facilmente rimuoverli se, quando diventerà un po’ più grande, si stuferà e ne vorrà altri.

Ah, dimenticavamo: non solo per “Principini”, ma anche per Principesse!

Buon arredamento!

 

2 Commenti
  1. Mia moglie ed io usiamo prodotti LINES e TENA. Siamo vicini ai 90 anni. Questi prodotti rientrano nella vostra gamma di commercializzazione? Grazie

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.